Ci sono mille modi di gustare il piacere, di assaporare quelle emozioni che di volta in volta solletticano i nostri sensi, fisici e spirituli,ed ogni volta sono attimi di una tale intensità, che diventano emozioni eterne, quel corredo che ci portiamo dietro, una parte archiviato, una parte stimolo a ripeterci per godere il piacere di star bene.

 

Il piacere

Il piacere è un canto di libertà
è la fioritura di tutti i desideri
è una profondità che invoca un’altezza
è lo spazio infinito
che ha radici nel cuore della terra.
Il piacere
è il raccolto di un’estate
il silenzio della notte
che fa di una lucciola una stella
è la fiamma e il vento
è l’arpa che vibra nell’anima
musica dolce e suoni confusi.
Il piacere
è un tesoro con mani tremanti
è una necessità e un’estasi
è un messaggero d’amore
è una sorgente di vita.

Kalhil Gibran

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in considerazioni, poesia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. Gabbiano ha detto:

    Il piacere in qualsiasi forma è la lieve essenza che penetra nel cuore…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...